Papa Francesco uomo dell’anno anche sui Social: le sfide al suo Pontificato

Papa Francesco uomo dell’anno anche sui Social: le sfide al suo Pontificato

Pubblicato da IQUII il 13/03/2014 in Thinking

Papa Francesco, che oggi festeggia il suo primo anno di pontificato, è stato definito da prestigiose istituzioni e riviste come l’uomo dell’anno nel 2013 e, a corollario di questo riconoscimento, il Pontefice si è guadagnato la copertina del Time.

Il Papa è uno dei personaggi più influenti sulla Rete, e una recente ricerca di Aleteia ne evidenzia l’autorevolezza.

Nel 2013, infatti, il Papa è risultato essere il personaggio con il maggior volume di ricerche mensili su Google a livello globale, vincendo il confronto con alcuni dei leader mondiali più influenti e popolari del 2013, come Barack Obama, Angela Merkel e Vladimir Putin.

Francesco si posiziona anche tra i personaggi pubblici che ricevono più menzioni sui social (49 milioni nel 2013); questo lo posiziona di fatto in una classifica dove sono presenti e si contendono il primato i profili online degli idoli più rappresentativi per i giovani come ad esempio calciatori del calibro di Messi, o cantanti e gruppi musicali come Justin Bieber e gli One Direction.

Le menzioni associate al Papa, inoltre, presentano una distribuzione geografica  molto omogenea a livello mondiale, e questo dato differenzia la figura del Pontefice rispetto agli account di altri personaggi di primo piano come Barack Obama, che riceve il 52% delle menzioni dagli Stati Uniti.

Per quanto riguarda il numero di followers, l’account ufficiale del Papa (@Pontifex, nelle sue nove declinazioni linguistiche) raccoglie oltre 12,3 milioni di followers in tutto il mondo; non mancano tuttavia le sfide: meno dell’ 8% dei cattolici battezzati seguono il Papa su Twitter.

Il livello di ingaggio che generano i tweet del Pontefice è più forte rispetto a quello del presidente degli Stati Uniti: ogni tweet, infatti, viene condiviso dagli altri utenti mediatamente 6600 volte.

La foto che abbiamo scelto come immagine di copertina per questo post evidenzia uno dei gesti più naturali, ma allo stesso tempo innovatici e carichi di significato di questo primo anno di pontificato: il selfie scattato con Instagram insieme ad alcuni giovani all’interno della Basilica di San Pietro.

Abbiamo analizzato, utilizzando il tool di Followgram, che su Instagram ci sono oltre novantamila post che hanno un hashtag che, nelle principali lingue, fa riferimento al Papa (dati al 13 marzo):

#papafrancesco: 12126

#popefrancis: 27302

#papafrancisco: 51007

La stessa Piazza San Pietro può essere considerato come un iper-luogo carico di significati religiosi, artistici e storici.

Instagram, da questo punto di vista, non si configura solo come l’applicazione capace di riprodurre digitalmente lo spazio fisico della piazza. Essa contribuisce direttamente alla creazione di un valore semantico capace di rappresentare lo spirito di aggregazione che accomuna tutti coloro che varcano le soglie del Colonnato. Ne è un esempio la venue di Piazza San Pietro su Instagram, che raccoglie le foto geolocalizzate dagli utenti di questa diffusa app.

Analizzando questo tipo di stream si evidenzia come la maestosità della piazza viene arricchita non solo dalle foto (singole o di gruppo) che ritraggono i turisti in visita a San Pietro, ma anche dagli scatti fatti durante le cerimonie religiose che ne contraddistinguono in modo più alto il suo valore come, ad esempio, in occasione degli Angelus.

Questa analisi pone due interrogativi di grande valore: come le tecnologie della comunicazione digitale possono contribuire allo sviluppo del significato religioso, e in che modo come le applicazioni mobile e i social media possono diventare i driver per una nuova evangelizzazione, orientata soprattutto ai più giovani?

In occasione della 48esima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali Papa Francesco ha pubblicato un messaggio che contiene alcuni punti centrali, evidenziati in modo particolare da P. Antonio Spadaro in un suo recente post:

  • Internet esprime la profezia di un nuovo mondo. La Rete, capace di unire e collegare l’uomo, deve spingerci alla visione di una umanità caratterizzata dall’economia del dono, nella quale lo spirito di condivisione delle risorse tipica dell’Open Source possa ispirare ciascuno d noi a una maggiore capacità di incontro e solidarietà;
  • Internet è una rete di persone, ricca di umanità. Le tecnologie della comunicazione possono potenziare e aiutare a vivere la nostra esperienza di vita, condividendone i valori con le persone alle quali siamo connessi. Ne sono un esempio proprio le foto scattate con Instagram, che contribuiscono a far riscoprire la “mistica” del vivere insieme, di mescolarci, di incontrarci tra noi;
  • I social media favoriscono la condivisione dei contenuti all’interno di reti di prossimità, di quel “social graph” del quale ciascuno di noi è parte in quanto utente di Facebook, Twitter, Instagram, ecc.;
  • Questo fa si che la Chiesa, oggi, è chiamata ad essere dove sono gli uomini. E visto che gli uomini oggi vivono anche nell’ambiente digitale, la Chiesa stessa deve farsi veicolo di quella “economia del dono” che favorisce la produzione di contenuti ed esperienze in linea con il messaggio cristiano;

Da questo punto di vista il ruolo dei social media e delle applicazioni mobile può diventare un driver strategico per le nuove sfide dell’evangelizzazione dettate da Papa Francesco, il primo pontefice Social della storia.


IQUII

IQUII è una Digital Consulting Company, specializzata in Applicazioni mobile per iOS e Android, Social Media e Digital PR, tecnologia Wearable, Data Visualization.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy.

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

Délifrance Italia e IQUII per una social media strategy tra innovazione, qualità e tradizione

Délifrance Italia ha scelto IQUII per la definizione strategica della presenza e della comunicazione sui canali social del brand.

in: Comunicati Stampa

di IQUII

Creare valore con il Mobile per Organizzazioni e Community Verticali: l’app Igersitalia

Mediante il nostro framework PeopleXP per le Community Verticali abbiamo realizzato un’App mobile e una piattaforma di gestione sviluppate appositamente per l’associazione Igersitalia.

in: Thinking

CONTATTACI SUBITO

I dati sono trattati solo per dare riscontro alla richiesta. Leggi l'informativa privacy prima di inviare la tua richiesta

IQUII S.r.l.Part of Be Group

Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Sede Operativa Roma
Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, 00173

Sede Operativa Milano
Piazza degli Affari 2, 20123

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio