Da Augmented Reality a Mobile Reality: è lo smartphone a trainare la realtà aumentata

Da Augmented Reality a Mobile Reality: è lo smartphone a trainare la realtà aumentata

Pubblicato da IQUII il 29/12/2017 in Thinking

L’Augmented Reality da sola trainerà tutto il mercato della realtà virtuale e diventerà “Mobile Reality” grazie agli smartphone

Che Augmented Reality (AR) e Virtual Reality (VR) siano tendenze tecnologiche ormai ben al di là dei puri proclami di marketing lo si vede dai risultati – molto tangibili – sul mercato globale. Un settore di business che solo nel 2017 ha raggiunto i 13,9 miliardi di dollari secondo le stime recentemente aggiornate di IDC, con una crescita importante pari al 130,5% rispetto al 2016 (quando la spesa complessiva si era attestata di poco sopra i 6 miliardi di dollari).

In questo momento i casi d’uso in grado di attrarre i maggiori investimenti sono quelli che riguardano il mondo Consumer e Retail, soprattutto in contesti dove AR e VR abilitano servizi digitali che migliorano l’esperienza di acquisto sia online che offline lungo tutta la catena del valore:

  • nella fase pre-acquisto, dove le persone cercano informazioni, spesso online;
  • durante l’acquisto, in store o sul canale eCommerce;
  • nella fase di post-vendita, dove soprattutto la realtà aumentata può diventare un servizio di assistenza “immersiva” per l’utente.

Nel mondo Consumer a fare da traino è comunque il mercato del Gaming che, da solo, ha fatto registrare una crescita nell’utilizzo di servizi di realtà aumentata del 287,4%, numero che lo rende il segmento con il più rapido ed elevato aumento sul fronte AR.

IQUII Mobile Reality AR

Secondo gli analisti, già a partire dal prossimo anno, la spesa specifica per l’Augmented Reality farà un ulteriore balzo in avanti coinvolgendo settori come quelli dell’assistenza sanitaria, o segmenti come quelli della progettazione di prodotto e del design.

In quest’ultimo ambito, la realtà aumentata potrebbe giocare un ruolo importante non solo nella velocizzazione dei processi di sviluppo ma anche e soprattutto nel testing dei prodotti dal punto di vista del design, dell’ergonomia, della sicurezza e dell’usabilità.

Realtà aumentata su smartphone: il mobile si conferma un forte propulsore

Quello dell’Augmented Reality via mobile è un ambito della realtà aumentata tra i più promettenti.

Secondo le stime di Research and Markets fatte di recente sui risultati di mercato 2016-17 e le previsioni dal 2018 al 2021, il mercato della realtà aumentata per dispositivi mobili registrerà nel complesso un tasso annuo medio di crescita costante che si aggirerà attorno al 70%, portando il giro d’affari complessivo a quota 80 miliardi di dollari nel 2021.

Numeri confermati anche da Digi-Capital che vede proprio nel periodo 2018-21 il boom di crescita dell’AR mobile, addirittura parlando di MR – Mobile Reality con una spinta interessante anche per il rilancio del mercato degli smartglasses.

IQUII Mobile Reality AR

L’AR mobile potrebbe da sola rappresentare la quota più rilevante di tutto il mercato più generale della Virtual Reality che si avvicinerà a quota 110 miliardi di dollari nel 2021.

I motivi di queste consistenti stime di crescita stanno principalmente nell’uso sempre crescente di smartphone e tablet e nell’adozione di tecnologie avanzate come applicazioni software di mobile computing.

Il mobile, rispetto ad altri dispositivi come gli smartglasses, potrebbe diventare il mezzo più opportuno per spingere l’adozione di massa dell’AR per due motivi: perché è già nelle mani di tutti e perché ha l’hardware necessario (CPU, GPU, sensori) che questa tecnologia richiede.

Lo smartphone, come piattaforma di consumo mainstream, permetterebbe inoltre di superare alcune barriere legate ai device di realtà aumentata:

  • la durata delle batterie;
  • la connettività via mobile;
  • lo sviluppo di altre app (quindi la creazione di un ecosistema da fruire con occhiali e visori dedicati).

La tecnologia oggi permette alle persone non solo di visualizzare immagini virtuali immersi in contesti reali ma anche di connettersi con queste immagini e oggetti, di interagire con loro migliorando in modo esponenziale l’esperienza, semplicemente utilizzando la fotocamera del proprio dispositivo.

Tutti questi fattori potrebbero spingere ulteriormente la crescita del mercato della realtà aumentata per gli smartphone. Non a caso Apple, Samsung, Huawei e Google stanno battagliando su questo fronte.

Secondo Research and Markets gli attori chiave nel mercato della realtà aumentata mobile da tenere d’occhio sono:

  • Google (Stati Uniti);
  • Qualcomm (Stati Uniti);
  • Samsung Electronics (Corea del Sud);
  • Microsoft (Stati Uniti);
  • Infinity Augmented Reality (Israele);
  • Blippar.com (Regno Unito);
  • DAQRI (Stati Uniti);
  • Wikitude (Austria);
  • Metaio (Germania);
  • Catchoom Technologies (Spagna);
  • Aurasma (Regno Unito);
  • Atheer (Stati Uniti).

In generale, gli analisti concordano nel ritenere che a guidare la domanda di mercato della realtà aumentata sarà il software, soprattutto nei settori del gaming, dello sport e dell’intrattenimento dove la user experience coinvolgente ed immersiva rappresenterà il fattore differenziante e discriminante per chi desidera offrire servizi di AR ai propri utenti, fan e follower.

Due colossi che si contendono il mercato del Mobile Reality

Non è un caso se a darsi battaglia in questo momento siano proprio Apple e Samsung, due produttori di smartphone che hanno da tempo intuito le potenzialità del mercato AR iniziando a portarsi in casa le competenze necessarie per costruire degli AR enabled device, per mezzo di acquisizioni e brevetti.

Apple ad esempio, ha acquisito nel 2015 Metaio, società che sviluppa software che consente di mixare immagini reali con informazioni, oggetti ed elementi grafici digitali sia per contesti come la produzione di contenuti video, pubblicitari, divulgativi che per impieghi come la produzione di massa, in particolare nel comparto automotive.

Samsung invece ha già da diversi anni brevettato le tecnologie per display che permetteranno a TV e smartphone di proiettare ologrammi o icone olografiche in 3D.

Notizie cui fanno eco quelle di Qualcomm che già lo scorso anno affermò come i suoi processori di punta abilitavano l’AR mobile con significativi risparmi di batteria, fruibile senza troppe restrizioni via smartphone.

L’uscita dei nuovi device di casa Apple, iPhone 8 e iPhone X, segna indubbiamente un gran passo in avanti per portare l’esperienza di realtà aumentata agli utenti. Questi smartphone diventano la piattaforma ideale per lo sviluppo di nuove funzionalità: grazie all’API ARKit gli sviluppatori possono creare app AR per dispositivi che eseguono iOS 11 sul processore Apple A9.

Samsung invece sta rafforzando la partnership con Google per integrare nei propri smartphone le tecnologie ARCore e unire in questo modo il know-how dei due brand nel mondo della realtà aumentata.

Realtà aumentata: lo smartphone rivoluzionerà la customer experience

Le tecnologie digitali hanno indubbiamente aperto alle aziende grandi opportunità di innovazione attraverso le quali sviluppare nuovi servizi per poter conquistare sempre nuovi clienti. La realtà aumentata in questo senso gioca un ruolo importante perché sta rivoluzionando la customer experience attraverso nuove tipologie di interazione con i prodotti in molti ambiti.

Nel Retail, ad esempio, i consumatori stanno cambiando le aspettative rispetto al processo di acquisto (che deve essere coinvolgente e integrato tra online e offline) e apprezzano sempre più la possibilità di vivere un’esperienza innovativa e personalizzata, come quella del nuovo flagship store di Ray-ban. Il leader mondiale del mercato degli occhiali da sole, infatti, ha creato un luogo fisico dove il reale e il virtuale si incontrano per offrire al cliente una customer experience unica grazie al Magic Mirror: uno specchio 3D che permette di personalizzare e condividere gli occhiali virtuali indossati. Oppure l’app “Ikea Place” realizzata dal colosso svedese Ikea che sfrutta ARKit per permettere agli utenti di posizionare virtualmente i mobili in un ambiente senza averli acquistati o montati prima.

IQUII Mobile Reality AR

Oggi più che mai la necessità che produttori e retailers collaborino e innovino per soddisfare le esigenze di un consumatore iperconnesso, è crescente: i touchpoint tradizionali presentano dei limiti che solo grazie all’uso di tecnologie come Cloud, Internet of Things, Intelligenza Artificiale, Realtà aumentata e virtuale possono essere superati. Infatti, l’adozione di tecnologie permette di raggiungere migliori livelli di integrazione, usabilità e scalabilità e offrire nuovi modelli d’interazione, semplicità d’uso e un’esperienza sempre più personalizzata, frictionless e di qualità ai consumatori.

Se sei interessato ad una consulenza in ambito mobile AR, contattaci per valutare le potenzialità e le opportunità per il tuo business.


IQUII

IQUII è una Digital Company, specializzata in Applicazioni mobile per iOS, Android e Windows Phone, Social Media e Digital PR, tecnologia Wearable, Data Visualization.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


Nel caso di commenti i dati verranno trattati come da informativa

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

Blockchain Technology: definizioni, prospettive e opportunità non solo in ambito Finance

Definizioni, prospettive e opportunità dietro l’innovazione che sta rivoluzionando vari settori tra i quali Finance, Banking, PA, Travel e molti altri.

in: Thinking

di IQUII

13 Tech e Digital Trend che influenzeranno la Digital Transformation nel 2018

Nel nostro #ForwardThinking, abbiamo individuato 13 Tech e Digital Trend che permetteranno a molti contesti di business di crescere.

in: Newsletter , Thinking

CONTATTACI SUBITO

IQUII S.r.l.Part of Be Group


Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma
Sede Operativa: Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. [email protected]
Tel. +39 06 72.15.125

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio