Smarthome + Hacking: connettere l’aroma dispenser Muji a Twitter

Smarthome + Hacking: connettere l’aroma dispenser Muji a Twitter

Pubblicato da IQUII il 02/04/2014 in Progetti , Thinking

In un futuro che è già più attuale di quanto immaginiamo, gli oggetti presenti nelle nostre case interagiranno direttamente con noi, utilizzando tutte le informazioni di cui avranno bisogno, se noi glielo concederemo. A prescindere dal luogo nel quale ci troviamo fisicamente.

Immaginiamo che, dopo una giornata di lavoro che ci ha messo particolarmente alla prova, rientriamo finalmente a casa. Il nostro braccialetto wearable, che monitora la nostra pressione e il battito cardiaco, utilizza i dati della nostra giornata per “capire” quanto siamo stanchi. E, attraverso l’App nel nostro smartphone, comunicherà il nostro umore direttamente “alla casa” (Smarthome).

Appena varcheremo la porta di casa troveremo ad accoglierci una musica soft, le luci del salone soffuse e, magari, il profumo giusto per rilassarci.

Tutto questo è già possibile oggi, grazie alle tecnologie che trasformano la nostra casa in una Smart Connected Home. A differenza dei sistemi domotici precedenti, dove i vari elettrodomestici si interfacciano tra loro sulla base di software più o meno elaborati, in una casa smart gli oggetti non solo comunicano in modo costante, ma interagiscono direttamente con le informazioni che decidiamo di condividere, rendendo più accogliente e funzionale l’ambiente nel quale viviamo.

Il mercato della casa intelligente vale già oltre 2 miliardi di dollari ed è in costante crescita: nel 2017 supererà, secondo le previsioni, la soglia dei 10 miliardi. Non c’è quindi da stupirsi se da diversi mesi le aziende più importanti si sono messe al lavoro per sviluppare sistemi capaci di fornire nuove esperienze all’utente attraverso la connessione tra persone, oggetti e ambienti domestici. Dopo gli Smartphone stiamo assistendo alla Smart-ificazione di sempre più oggetti: tv, watch, ecc… In futuro le persone rischieranno di essere l’elemento “meno intelligente” della casa, non tanto perché diventeranno stupide, ma perché a loro sarà richiesto di pensare e fare il meno possibile. E la casa sarà sempre più al servizio dei suoi ospiti.

Partendo da questo contesto e spinti dalla sperimentazione continua che ci caratterizza, ci siamo cimentati nello sviluppo dell’AirMuji. Nato come un potenziale esperimento e pesce d’aprile è diventato qualcosa di più, un esempio di come, con un po’ di lavoro, ogni oggetto domestico si può evolvere per diventare qualcosa di connesso, integrato, per certi versi intelligente.

In una mezza giornata il team di IQUII si è dedicato a fare un hacking un po’ particolare: abbiamo acquistato un Aroma Dispenser Muji per renderlo “Smart”. L’Aroma Dispenser è un oggetto di design con la funzione di profumare la casa vaporizzando una miscela di acqua e oli essenziali. Il Dispenser integra un piccolo circuito elettronico che consente al dispositivo di temporizzare i cicli di accensione e spegnimento.

Noi abbiamo pensato ad un’idea abbastanza semplice: hackerare il Dispenser e fargli spruzzare profumo ogni volta che si riceve un tweet.

La ricetta del nostro hacking ha richiesto i seguenti ingredienti:

  • Un Aroma Dispenser Muji e una boccetta di olio essenziale alla lavanda, assieme ad un po’ di acqua
  • Il nostro developer Mario De Santis
  • Un Raspberry Pi con l’ultima release di Raspbian
  • Un PiFace e le librerie Python installate
  • Una breadboard
  • Due optoisolatori 4n35
  • Un po’ di cavetti e connettori
  • E l’intramontabile saldatore con lo stagno

Il Raspberry Pi è un mini-computer a base Linux, che consuma pochissimo e non fa rumore.

Il PiFace è un’interfaccia che si collega direttamente al Raspberry Pi; è dotata di relè (interruttori controllati via software), pulsanti e uscite logiche che sono facilmente collegabili con gli oggetti elettronici che tutti abbiamo in casa.

Gli optoisolatori sono piccoli integrati che separano elettricamente i circuiti elettronici, mettendo al sicuro da un lato il Muji e dall’altro il RasperryPi.

Poi c’è il nostro Mario, definito anche come “un sistema biologico che si attiva con cibo, acqua e caffeina, capace di generare le righe di codice necessarie a interfacciare il software tra Twitter, PiFace e il Dispenser”.

smart dispenser

L’hacking è stato impostato in questo modo:

  • Abbiamo collegato la pulsantiera del Muji al PiFace;
  • Abbiamo interfacciato gli attuatori del PiFace con gli interruttori del Muji;
  • Abbiamo utilizzato un software Python per monitorare Twitter e collegare gli azionamenti del PiFace alle attività generate su questo social.

Con questo piccolo esperimento abbiamo di fatto trasformato un oggetto domestico in uno “smart connected object” capace di reagire in tempo reale ai comportamenti degli utenti online. Ma non solo. Immaginate se l’evento che attiva il dispenser fosse un sensore di luminosità, una sveglia ad un orario preciso o un sensore di pressione posto sotto la tavoletta del WC.
Vi immaginate le possibili applicazioni?

E il nostro ufficio, ora, ad ogni mention su @iquii profuma sempre più di lavanda.
Twittate e veniteci a trovare qui 🙂


IQUII

IQUII è una Digital Consulting Company, specializzata in Applicazioni mobile per iOS e Android, Social Media e Digital PR, tecnologia Wearable, Data Visualization.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy.

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

Apple TV come hub per entertainment e Connected Home: i 4 fattori chiave

Scopri i quattro fattori chiave che rendono la Apple TV l’hub ideale per l’intrattenimento domestico e lo sviluppo di servizi legati alla Connected Home.

in: Thinking

di IQUII

La smart connected home alla portata di tutti

Internet of Things e smart connected home: il futuro è nelle nostre case. Scopriamo perché il 2014 sarà l’anno della domotica intelligente.

in: Thinking

CONTATTACI SUBITO

I dati sono trattati solo per dare riscontro alla richiesta. Leggi l'informativa privacy prima di inviare la tua richiesta

IQUII S.r.l.Part of Be Group

Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Sede Operativa Roma
Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, 00173

Sede Operativa Milano
Piazza Affari 3 (Primo Piano), 20123

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio