Push Notification e Mobile Strategy: engagement, analytics e approccio PNO

Push Notification e Mobile Strategy: engagement, analytics e approccio PNO

Pubblicato da Simone Cinelli il 11/06/2015 in Thinking

Ricordate i tempi dove le persone leggevano tutto il giornale alla ricerca della notizia per loro interessante, oppure facevano zapping tra i canali televisivi per cercare contenuti? Dimenticateli.

Quella che viviamo è “l’era della disattenzione“, visto che siamo continuamente bombardati da notifiche, messaggi e applicazioni che ci rendono distratti e poco attenti al contenuto. Questo oggi è fruito in velocità, in mobilità e deve essere time-saver: le persone vogliono risposte concrete senza troppi giri di parole.

Comprendere il comportamento degli utenti e dare loro il contenuto nel momento in cui ne hanno bisogno e ne fanno richiesta: con i device mobili ormai diventati estensione del nostro corpo e che danno il vantaggio della facilità di contatto, bisogna fare attenzione a non diventare troppo golosi, l’effetto spam è recepito con maggiore enfasi su un dispositivo davvero “personal”.

Nel nostro primo approfondimento abbiamo spiegato cos’è una Notifica Push e da quali caratteristiche è formata, mostrato alcuni esempi e le differenze tra iOS e Android. In questo secondo articolo facciamo un passo avanti, parlando di opportunità, strategia, metriche e ampliando l’approccio IQUII chiamato Push Notification Optimization (PNO).

Quali sono le opportunità per aziende, brand e sviluppatori?

  • Comprendere al meglio le esigenze degli utenti. Le loro azioni all’interno dell’applicazione sono segnali chiari delle loro preferenze e dei loro comportamenti abituali. Questo consente di servire loro contenuti su misura, personalizzati.
  • Inviare informazioni in real time. I contenuti che arrivano al momento giusto e permettono di risparmiare tempo e stress sono quelli più apprezzati.
  • Instaurare una relazione di lungo periodo. Coinvolgere le persone, creando contenuti dedicati che nel momento dell’effettivo bisogno rendono il rapporto con l’applicazione unico e potenzialmente di lungo periodo.

Push Notification e App Analytics: quali metriche tracciare

Le push fanno da ponte tra le persone e l’enorme mole di contenuti che può essere fruita da mobile. Abbiamo individuato quattro metriche da tracciare per valutare l’efficacia della strategia:

  1. Open Rate (Tasso di apertura)
  2. Funneling (Raggiungimento obiettivo)
  3. Engagement (Retention)
  4. Disattivazione notifiche e Disinstallazione App

1) Open Rate (Tasso di apertura)

È una metrica che individua il numero di utenti che ha aperto la notifica push, sul totale delle notifiche inviate.

Reaction rates Push Notification

2) Funneling (Raggiungimento obiettivo)

Il raggiungimento degli obiettivi è una metrica che risponde alla necessità della push di guidare l’utente verso il goal. In questo caso la metrica è più complessa rispetto al tasso di apertura. Rientrano in questa casistica le condivisioni sui social, gli acquisti, l’aggiunta dei prodotti al carrello. L’obiettivo viene definito e studiato prima dell’invio della push, in modo da ottimizzare al meglio tutti i punti: testo, icona, timing, call to action.

3) Engagement (Coinvolgimento)

La metrica si riferisce al valore del cliente nel lungo periodo. L’obiettivo della push notification è quello di aumentare ed arricchire l’esperienza utente all’interno dell’applicazione.
Il coinvolgimento può essere di “riattivazione” per un utente che non utilizza più l’app, oppure con l’obiettivo di aumentare la retention per l’utente e farlo passare da utente mensile a settimanale, da settimanale a giornaliero, fino a farlo diventare ambassador.

4) Disattivazione notifiche (Opt-out) e disinstallazione app

Non bisogna solo tracciare le metriche “positive”, ma anche guardare i potenziali effetti negativi dell’utilizzo delle notifiche. Nel caso di elevati tassi di “opt-out” e addirittura di disinstallazione dell’applicazione il suggerimento è quello di rivedere il contenuto della push, il timing, l’obiettivo.

Tassi di apertura e livelli di engagement delle push notification

A supporto del discorso sulla personalizzazione del contenuto delle push e sui diversi comportamenti degli utenti che utilizzano diverse piattaforme (iOS e Android su tutte) prendiamo i dati del report che Urban Airship pubblica ogni trimestre basato sui tassi di apertura delle notifiche in base al sistema operativo e alla industry di riferimento.

La differenza tra i due sistemi operativi è all’inizio del processo: le app sviluppate per Android hanno le notifiche push attive di default, mentre quelle sviluppate per iOS richiedono all’utente l’autorizzazione all’attivazione del servizio. Questo ovviamente impatta anche sul tasso di apertura e sulla conseguente efficacia del servizio di notifiche.

Alcuni rapidi insight:

  • gli utenti Android rispondono alle push in misura maggiore rispetto agli utenti iOS (in media 20% contro 8%);
  • su iOS in media il 42% degli utenti attiva il servizio di notifiche (potenzialmente c’è un 58% di utenti non “raggiungibile”);
  • la velocità di reazione alle push è maggiore nelle app del mercato FMCG (28% Android, 6% iOS) ed Entertaiment (18% Android, 4% iOS).

Opt-in rates by industry (iOS)

iOS app opt-in rates

Sui dispositivi con sistema operativo iOS in media il 42% degli utenti attiva il servizio di notifiche. Come si vede dal grafico, i tassi più alti sono presenti nelle categorie Charities, Foundations & Non-Profit e Business mentre è la categoria Gaming ad avere solo un terzo degli utenti con notifiche attive.

Notification engagement rates by industry (Android & iOS)

Push Notification e Mobile Strategy

Gli utenti Android hanno un tasso di coinvolgimento derivante dalle notifiche più elevato rispetto a quelli iOS. Come anticipato, molta differenza è data dall’attivazione di default e dall’elevata personalizzazione che Android sta dando a questo servizio (testo, immagini e pulsanti di azione personalizzabili).

Push Notification e App Engagement: l’approccio IQUII PNO (Push Notification Optimization)

L’invio di una Push Notification necessita di una regia attenta ed esperta, che curi ogni particolare nel migliore dei modi e punti ad arrivare al destinatario con il migliore messaggio.

L’approccio chiamato Push Notification Optimization (PNO) è basato su tre step:

  1. analisi
  2. strategia
  3. performance

– ANALISI
Il primo passo è analizzare il flow dell’applicazione, individuando le aree calde dove l’invio di una notifica push è un plus che porta beneficio all’utente.

– STRATEGIA
Dopo aver individuato le aree dove scatenare le notifiche, si passa alla strategia. In questo caso si lavora sulle tipologie di:

  • push (ad esempio informativa o di coinvolgimento)
  • utente (nuovo, dormiente, power user)
  • invio (broadcast, personalizzato)

– PERFORMANCE
Il terzo passaggio prevede il monitoraggio delle performance riguardo le notifiche push. Sulla base di KPI qualitativi, quantitativi e personalizzati si analizza l’efficacia del servizio e si lavora sui feedback per migliorare costantemente il risultato finale e l’obiettivo definito in fase di strategia.

Contattaci subito per una consulenza personalizzata, ti aiuteremo a raggiungere gli obiettivi di app engagement.


Simone Cinelli

Dopo essermi specializzato in Trade Marketing e Strategie Commerciali, ho approfondito la dimensione dei Social Media, per poi concentrarmi sul Mobile Marketing: esploro le potenzialità degli store, studio nuove traiettorie, metto a punto efficaci strategie di ottimizzazione.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


Nel caso di commenti i dati verranno trattati come da informativa

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

IQUII porta EventXP ad AppShow 2017, il primo congresso europeo sull’App Economy

In occasione del primo congresso europeo sull’App Economy in Italia, IQUII parteciperà come partner e app provider ufficiale con EventXP.

in: Comunicati Stampa

di Daniele Margutti

Atlas: un approccio unificato al ciclo di sviluppo mobile in IQUII

Oggi Daniele Margutti, iOS dev, ci porta in un viaggio all’interno dei processi di sviluppo mobile in IQUII presentandoci Atlas.

in: Thinking

CONTATTACI SUBITO

IQUII S.r.l.Part of Be Group


Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma
Sede Operativa: Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. [email protected]
Tel. +39 06 72.15.125

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio