Designing App Experience: dall’esperienza al design

Designing App Experience: dall’esperienza al design

Pubblicato da Marco Lorio il 16/04/2018 in Thinking

Questo articolo è disponibile in lingua inglese sul nostro canale Medium.

In occasione dell’edizione 2018 del Magazine sulla Cultura del Design di Riflesso, il Magazine di Informazione, Cultura e Lifestyle, il nostro Head of Design Marco Lorio ha pubblicato un articolo focalizzato sul “Designing App Experience” che riproponiamo di seguito.

***

Una volta mi è arrivato questo brief per la realizzazione di una app:

Dare all’utente una esperienza magnifica attraverso un design fantascientifico.
Grazie.
L.

Ma una esperienza è per definizione sempre diversa e il più alto livello di design è il design invisibile.

Partiamo dall’esperienza.

Un re ordinò al suo ministro: riunisci i nobili del nostro regno, voglio regalare ad ognuno di essi un elefante.  Il ministro eseguì e il re si recò in una stanza buia, dove erano riuniti i nobili che non avevano mai visto un elefante  e volle vedere cosa ne dicevano.

I nobili provenivano dai quattro poli del suo immenso regno ed ognuno provenendo da una direzione diversa si avvicinò all’elefante. Uno toccando una gamba disse: “L’elefante è simile a un albero”. Uno toccando una zanna disse: “L’elefante è simile a un bastone”. Uno toccando la proboscide disse: “L’elefante è simile a un serpente”. Uno toccando il ventre disse: “L’elefante è simile a un muro”.

Il re li osservò divertito e disse: “E’ indiscusso che l’elefante è simile solo all’elefante. La vostra percezione della realtà si basa sul luogo di origine, sull’educazione, sulle esperienze,  sulla vostra essenza e sulla vostra natura.
[Una delle tante versioni de “Il Re, i ciechi e l’elefante”]

Ognuno di noi è diverso e unico. Un’esperienza per definizione non si può progettare: sarebbe come voler vivere la vita di un altro. Quando progettiamo una app dobbiamo quindi realizzare una approssimazione che possa essere impacchettata e consegnata all’utente in moda da fornire un messaggio il più possibile chiaro e che non possa essere frainteso.

IQUII - Designing App Experience

La fruizione delle app avviene quasi sempre in movimento: l’utente molto probabilmente sta facendo altro. E’ questo il motivo  per cui si cerca la massima semplicità.  Marissa Mayer, ex CEO Yahoo aveva creato una regola di design: two tap rule, se sei più lontano di due tap nel raggiungere qualsiasi cosa che vuoi ottenere, allora è necessario semplificare.

L’utente deve essere attirato da uno storytelling efficace, deve avere  la consapevolezza che per arrivare da A a B la soluzione proposta sia l’unica possibile, la più semplice, e che non c’è altra via per offrire quella funzionalità.

Gli utenti trascorrono la maggior parte del loro tempo su altre app. Ciò significa che preferiscono che la tua app funzioni in modo simile a tutte le altre che già conoscono.

Jakob’s Law

Vivono le nuove esperienze in modo sospetto soltanto perché non sono già comuni. Far sembrare il mondo digitale un po’ come il mondo reale nel quale si sono evoluti i nostri antenati è la sfida che ci troviamo ad affrontare nella progettazione della User Experience (UX).

Infine, non possiamo considerare le app come un prodotto immobile nel tempo: la UX non potrà mai essere racchiusa all’interno di parametri finiti ma deve seguire le innovazioni e iniziative digitali in un ciclo continuo.

IQUII - Designing App Experience

Arriviamo al design.

“Progettare è facile quando si sa come si fa. Tutto diventa facile quando si conosce il modo di procedere per giungere alla soluzione del problema”. Tuttavia – sostiene sempre Munari –  non esiste una metodologia completa e definitiva.

Attualmente una metodologia incentrata sul Design Thinking ci permette di studiare di volta in volta uno scenario che cambia, in modo da trovare in ogni situazione diversa una nuova proposta. Il susseguirsi di innovazioni tecnologiche rende impossibile delineare una strategia valida per tutti gli utenti a lungo termine, l’approccio human-centered, deve lavorare su un concetto di innovazione legato non solo alla tecnologia ma anche all’evoluzione dei comportamenti sociali: il design oggi deve necessariamente adattarsi alle continue esigenze che emergono.

Il design deve raccontare una storia visiva, una narrazione che si intreccia con la spina dorsale della struttura. Vignelli descrive i passi della progettazione per arrivare ad un design appropriato, passi simili a quelli di uno scrittore tradizionale: studiando il soggetto (semantica), sviluppando un arco narrativo (sintattica), trovando i fili per tessere la progettazione di contenuti che abbiano un impatto sull’utente (prammatica). [Massimo Vignelli, Il Canone Vignelli, 2012]

IQUII - Designing App Experience

La chiarezza di intenti si traduce in chiarezza di risultati e questo è di fondamentale importanza per il design.

L’obiettivo della progettazione è quindi mettere al centro le caratteristiche e i bisogni degli utenti, per rendere fluida l’esperienza, aumentare il tempo di permanenza all’interno dell’app e la qualità dell’interazione con i contenuti per raggiungere gli obiettivi prefissati in fase di identificazione strategica con un design, appunto, il più possibile invisibile.

Ciao Luigi, inviato
Prego.
M.


Marco Lorio

Head of Design in IQUII.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


Nel caso di commenti i dati verranno trattati come da informativa

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

The future of Retail: come IoT e Smart Retail costruiscono la Shopping Experience del futuro

La Customer Experience sarà il fattore determinante negli store del futuro: l’approfondimento tra trend e opportunità dell’IoT nel nostro #ForwardThinking.

in: Newsletter , Thinking

di IQUII

5G: la quinta generazione di tecnologie mobile alla base della società connessa

Smart City, Self-Driving Car e Smart Home: il 5G sarà l’elemento disruptive di molti settori e l’asset principale di una società sempre più connessa.

in: Thinking

CONTATTACI SUBITO

IQUII S.r.l.Part of Be Group

Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Sede Operativa Roma
Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, 00173

Sede Operativa Milano
Piazza degli Affari 3, 20123

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio