Wearable: è tempo di prepararsi, tra opportunità e rischi

Wearable: è tempo di prepararsi, tra opportunità e rischi

Pubblicato da Fabio Lalli il 19/09/2013 in Thinking

L’esplosione degli smartphone e dei tablet negli ultimi anni ha avuto un forte impatto sulle aziende che si sono trovate da un lato ad avere nuove opportunità di business e comunicazione e dall’altro un drastico cambiamento dei processi. Impatto che ha scatenato una quantità enorme di nuove sfide dal punto di vista della sicurezza, generando ai CIO una grande quantità nuove problematiche, richieste ed esigenze. La quantità di dispositivi consumer e BYOD da dover gestire all’interno delle aziende è tutt’ora in continua crescita.

Wearable-IQUII

Eppure per quanto smartphone e tablet sembrano aver raggiunto un livello di saturazione e crescita elevato e sembriamo circondati solo da cellulari e tablet, quello che abbiamo visto finora è, a mio avviso, solo l’inizio. Nel prossimo decennio, la tecnologia indossabile (wearable technologies e similari), sempre più pervasiva nella sfera privata delle persone, invaderà anche le imprese ed il cambiamento che porterà all’interno di questa, avrà un impatto maggiore di quello avuto con l’introduzione smartphone e tablet.

Basta fermarsi a guardare e leggere quello che sta già succedendo con Google Glass e le potenziali minaccie per la sicurezza delle imprese.

Secondo un rapporto del 2012 di Juniper Research i dispositivi intelligenti indossabili verranno prevalentemente utilizzati nell’ambito del Fitness, della Sanità, dell’ Entertainment e nel mondo del fashion e della moda. E’ prevedibile quindi che il mercato dei dispositivi wearable, tra cui occhiali ed altri tipi di display (orologi), supererà il miliardo e mezzo di dollari entro il 2014, con un incremento quindi importante rispetto ai circa 800 milioni dollari l’anno passato. In un rapporto più recente è previsto che il mercato crescerà di dieci volte, raggiungendo i 150 milioni di dispositivi entro il 2018.

Prepariamoci quindi a vedere in azienda dispositivi indossabili tra cui braccialetti elettronici e sensori incorporati in indumenti. Già oggi molti professionisti, medici, squadre di soccorso, addetti alla logistica e ai magazzini o altri professionisti in altri ambiti, stanno iniziando ad usare occhiali e dispositivi connessi che permettono di aumentare l’esperienza lavorativa e le informazioni al momento di una determinata azione.

La crescita degli oggetti connessi ad internet e dell’Internet of Things più in generale alimenterà ulteriormente questa tendenza e non sarà difficile immaginare che questo avverrà in diversi settori del mercato.

Di esempi già esistenti sul mercato o di progetti alla ricerca di capitali su piattaforme di crowdfunding ce ne sono tantissimi: da braccialetti per l’autenticazione che sostituiscono chiavi di accesso e password, a sensori basati su tessuti per la misurazione del battito cardiaco e della temperatura dei neonati, anelli o altri gioielli con informazioni personali utili al proprio outfit o preferenze di acquisto. Le possibilità sono limitate solo dalla fantasia.

Come sempre sarà fondamentale scindere l’hype e la bellezza di alcuni progetti, dai reali benefici e risultati attesi, e non farsi prendere solo dall’entusiasmo e dalla moda delle nuove tecnologie. Questa riflessione non vuole fare terrorismo psicologico, ma le organizzazioni, e nello specifico i CIO, dovranno prendere in considerazione questa tendenza, capirne le potenzialità, le opportunità e quanto prima dovranno portare i propri sistemi ad esser integrati o integrabili anche con progetti di aziende del calibro di Google, Apple e Samsung, e soprattutto dovranno pianificare attività che abbiano come focus privacy ed sicurezza.

Wearable sì come opportunità, ma l’attenzione alla continuità del proprio business non può esser sottovalutata.


Fabio Lalli

Ceo di IQUII, da sempre appassionato di innovazione digitale, attualmente immerso nell'esplorazione di nuove esperienze legate all'Internet of Everything e ai Big Data e incredibilmente determinato a fare grandi cose.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy.

ARTICOLI CORRELATI

di Laura Spadoni

Virtus Entella e IQUII lanciano la Sport Platform per valorizzare l’esperienza di fan e partner del club. Nasce la nuova App biancoceleste.

Negli ultimi mesi il mondo del calcio si è fermato a seguito dell’emergenza sanitaria ma Virtus Entella, supportata da IQUII, Official Digital Provider, e da Wylab, ha continuato a lavorare e a investire nella trasformazione digitale, dotandosi di una Sport Platform che restituisce agli appassionati del club le emozioni degli eventi in campo e ai […]

in: Comunicati Stampa

di Laura Spadoni

IQUII e Intervallo Lungo: strategia di distribuzione del contenuto su new and old media

Il momento complesso, dal punto di vista economico e sociale, ha spinto le persone e le aziende a ripensare velocemente la propria visione del ramo aziendale di appartenenza, cercando di fare leva sull’esperienza e sulle peculiarità aziendali che derivavano dalla profonda conoscenza del settore. La pandemia ha messo a dura prova non solo il Paese […]

in: Comunicati Stampa , Default , Thinking

METTI IN ATTO LA TUA TRASFORMAZIONE DIGITALE

Inviaci un messaggio e ti ricontatteremo presto!

I dati sono trattati solo per dare riscontro alla richiesta. Leggi l'informativa privacy prima di inviare la tua richiesta

IQUII S.r.l.Part of Be Group

Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Sede Operativa Roma
Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, 00173

Sede Operativa Milano
Piazza Affari 3 (Primo Piano), 20123

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio