Digital Trends del 2016: le sfide che ci aspettano

Digital Trends del 2016: le sfide che ci aspettano

Pubblicato da IQUII il 15/12/2015 in Thinking

Nel corso del  2015 abbiamo analizzato il comportamento dei consumatori, i trend tecnologici più significativi e le tendenze dei diversi mercati nei quali operano i nostri clienti.

Il nostro vivere quotidiano nel contesto Tech & Digital ci ha consentito di preparare alcune previsioni su quello che ci aspetta nel 2016, per farvi comprendere meglio quel futuro che sta già prendendo forma nel nostro presente.

Questi trend sono destinati a influenzare e cambiare l’esperienza delle persone in relazione ai servizi dei quali già fruiscono e ai contesti in cui questi sono erogati ma, allo stesso tempo, impatteranno direttamente anche sui modelli di business delle aziende. Ne abbiamo individuati molti, vediamoli in modo specifico.

Mobile Commerce

Assisteremo a una progressiva migrazione e integrazione dei sistemi di e-commerce su piattaforma mobile.

Social payments

Questo porterà allo sviluppo e alla crescita dei sistemi di pagamento e trasferimento di denaro tramite piattaforme social e di messaggistica privata.

Deep linking ed ecosistema delle app

Assisteremo allo sviluppo dell’app-to-app experience, che spingerà i brand ad essere presenti con più applicazioni nello stesso store in modalità ecosistema. In questo modo le aziende potranno verticalizzare la loro offerta di prodotti/servizi in modo specifico su community ben definite di utenti attraverso applicazioni specifiche, garantendo una maggiore reattività e flessibilità nell’offerta di prodotti/servizi destinati a coinvolgere i loro utenti di riferimento.

Push Notification e Mobile Engagement

I sistemi di notifica push saranno integrati in modo sempre più capillare nelle applicazioni mobile, per incrementare e mantenere alto i livelli di coinvolgimento degli utenti.

Connected Home Entertainment

Il concetto di esperienza utente che definisce e guida i progetti di innovazione in ambito web e mobile sarà trasferito anche nell’ambiente domestico, per garantire alle persone esperienze di intrattenimento e fruizione di prodotti e servizi sempre più connesse e integrate.

Questo sarà realizzato attraverso l’integrazione tra Smart TV e, sopratutto, attraverso hub o set top box esterni dedicati all’integrazione con piattaforme e servizi online, quali ad esempio la nuova Apple TV o la Chromecast di Google. Si tratta di una tendenza che abbiamo già analizzato recentemente in un post dedicato.

Realtà virtuale e aumentata

L’ingresso sul mercato dei vari Carboard e Oculus Rift ha determinato una forte spinta allo sviluppo delle applicazioni di realtà virtuale in differenti contesti di utilizzo: dall’entertainment al gaming, dal training al settore medico.

Gli analisti stimano che saranno venduti circa 12 milioni di dispositivi di Virtual Reality nel corso del 2016, fornendola possibilità agli utenti di interagire con ambienti virtuali sviuppati ad hoc per offrire esperienze immersive agli utenti.

Bot

Assisteremo ad un incremento dei software in grado di rispondere e automatizzare task in vari ambiti (dall’automazione alla sorveglianza), con l’obiettivo di ottimizzare la produttività e i costi.

Deep learning

Nel 2016 proseguirà lo sviluppo di sistemi sempre più precisi e complessi per trasformare le informazioni visive in linguaggio naturale.

Cognitive computing

Si moltiplicheranno i sistemi di analisi dei dati capaci di prevedere i pattern di attuazione dei comportamenti per definire e attuare azioni in modo predittivo.

Smart Virtual Personal Assistant

I sistemi di intelligenza artificiale si diffonderanno sempre di più e saranno saranno in grado di acquisire le nostre informazioni (dal calendario dei nostri appuntamenti ai nostri spostamenti quotidiani), anticipandoci informazioni utili per supportare le nostre decisioni.

Algoritmi intelligenti

Nel corso del 2016 assisteremo a un maggiore sviluppo dei generatori di linguaggio naturale, a un miglioramento dei sistemi di riconoscimento vocale, nonché alla sofisticazione degli algoritmi di discriminazione e scelta basati anche sul riconoscimento della personalità attraverso l’uso di immagini e video. Proseguirà inoltre lo sviluppo degli algoritmi per la cura e la selezione dei contenuti sulle piattaforme social e sui marketplace che frequentiamo.

Ambient Proximity

Sarà possibile abilitare nuovi comportamenti e interazioni da parte degli utenti attraverso l’integrazione dei dispositivi IoT con i sistemi di prossimità (BLE, WiFi, RFID) e di contatto (NFC).

Ambient Interfaces

Assisteremo allo sviluppo di interfacce integrate nell’ambiente lavorativo e domestico, che saranno in grado di aumentare la produttività, supportare le scele e automatizzare le nostre azioni, aumentando la fedeltà degli utenti e migliorando la loro interazione con l’ambiente nel quale vivono.

Intelligent Cameras

Le telecamere costituiranno i device di maggiore importanza per l’acquisizione delle informazioni sui movimenti e le attività degli utenti, sia in ambito Smart Cities che all’interno dei centri commerciali e dei singoli store.

Personality Analytics

Gli strumenti di analisi predittiva integrati nei device e nelle piattaforme online forniranno dati e informazioni agli utenti in modo da supportarli nelle loro scelte e incrementare i loro livelli di fidelizzazione sul lungo termine.

Big Data

La capacità di acquisire e analizzare i dati sarà anche nel 2016 il vero riferimento in ciascuna delle categorie sopra menzionate, perché influenzerà in modo determinante la capacità di sviluppare servizi e applicazioni capaci di innovare realmente l’esperienza utente in ogni settore.

Cloud

Assisteremo ad una ulteriore crescita e allo sviluppo delle piattaforme cloud. In particolare, si affermerà il passaggio dalle cloud private a quelle ibride, con il progressivo abbandono delle infrastrutture proprietarie e non scalabili.

Internet of Things e Wearable

Gli oggetti, i sensori e i sistemi connessi a internet si affermeranno progressivamente non solo nel settore Business to Consumer, ma anche in quello Business to Business.

Privacy

Di fronte all’enorme sviluppo di dati generato dall’uso di piattaforme e servizi integrati, le minacce alla privacy aumenteranno sia nel numero che nelle modalità e nei livelli di complessità. Tra questi si evidenziano in particolare: la digital self-incrimination, il revenge port, l’encryption management, la sorveglianza attraverso l’uso di dispositivi UAV, e il right to eavesdrop / be eavesdropped on.

Vertical Collaborative Software

Assisteremo a una ulteriore crescita delle piattaforme di collaborazione verticale e di sharing knowledge, non solo in ambito business ma anche in contesti sempre più informali tra le persone.

Lendership e Sharing

Il 2016 segnerà il progressivo sviluppo di piattaforme relative al noleggio, al riuso e alla condivisione di conoscenza, prodotti, tecnologie e processi.

Video

Vi sarà una forte crescita nell’uso dei contenuti video all’interno di piattaforme online che si configurano come contenitori innovativi per l’informazione e l’intrattenimento degli utenti, come sta già avvendo, ad esempio, con Netflix e Amazon Prime.

Di fronte a tutte queste innovazioni destinate a entrare rapidamente nella nostra vita quotidiana, i desideri e le aspettative degli utenti in relazione ai prodotti/servizi offerti dai brand sta cambiando in modo netto. Con il gigantesco rumore di fondo nel quale ciascuno di noi è immerso, tra post di amici, pagine e contatti che scorrono rapidissimi sui nostri newsfeed, tra notifiche push, e alert di ogni tipo, la sfida più grande per le aziende è quella di conquistare e mantenere l’attenzione dell’utente, facendogli apprezzare un nuovo tipo di esperienza che possa rispondere in modo più adeguato, diretto e immediato alle sue aspettative.

Non a caso oggi la curva di adozione delle innovazioni da parte del mercato è molto più rapida e intensa rispetto a quanto avveniva solo qualche anno fa. Da questo punto di vista, è fondamentale che le aziende siano capaci di mantenersi snelle e resilienti, sviluppando la loro capacità di anticipare i trend di mercato attraverso l’offerta di prodotti/servizi adeguata ai livelli di una domanda sempre più liquida.

La sfida è tutta aperta e noi siamo già pronta a coglierla, perché il modo migliore per prevedere il futuro è crearlo.


IQUII

IQUII è una Digital Company, specializzata in Applicazioni mobile per iOS, Android e Windows Phone, Social Media e Digital PR, tecnologia Wearable, Data Visualization.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy.

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

L’evoluzione del Retail Banking: dalla centralità del cliente alla digitalizzazione, fino ai servizi IoT

Dalla centralità del cliente alla digitalizzazione, il settore bancario prova a tenersi al passo coi tempi. Organizzazione, cambio di prospettiva e ascolto del mercato i mantra del Retail Banking.

in: Academy , Thinking

di IQUII

Mobile App: 5 step per la strategia di app marketing in un contesto ipercompetitivo

Con 6 milioni di app negli store, l’elevata competizione tra aziende e brand ha modificato totalmente modalità e approcci strategici per garantire la migliore user experience e non solo.

in: Thinking

CONTATTACI SUBITO

I dati sono trattati solo per dare riscontro alla richiesta. Leggi l'informativa privacy prima di inviare la tua richiesta

IQUII S.r.l.Part of Be Group

Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Sede Operativa Roma
Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, 00173

Sede Operativa Milano
Piazza degli Affari 2, 20123

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio