Dati e IoT spostano il focus dal prodotto al servizio per il cliente trasformando il business delle aziende

Dati e IoT spostano il focus dal prodotto al servizio per il cliente trasformando il business delle aziende

Pubblicato da IQUII il 16/06/2017 in Thinking

Il mercato dell’Internet of Things è in rapidissima ascesa e ha le proprie radici in due ambiti tecnologici precisi:

  • gli smart objects, cioè gli oggetti definiti intelligenti perché dotati di identità digitale e in grado di interagire con l’ambiente;
  • la rete di comunicazione globale che permette di connettere questi oggetti a sistemi, cose, persone, processi, dati.

Dall’analisi dei dati e delle relazioni che si innescano tra cose, aziende e persone arriva la forza propulsiva per accelerare l’innovazione e pensare a nuovi modelli di business. Forza di cui già in molti stanno approfittando:

  • in Italia, il mercato IoT ha raggiunto nel corso del 2016 i 2,8 miliardi di euro facendo registrare un +40% di crescita rispetto al 2015 (rilevazioni dell’Osservatorio IoT del Politecnico di Milano);
  • nel mondo, si stima una crescita media annua globale tra il 25 ed il 35% con un giro d’affari complessivo che supererà entro il 2020 i 3mila miliardi di dollari (rilevazioni Gartner, Idc e McKinsey).

Insieme al volume d’affari dell’IoT, a crescere in modo imponente è anche il numero degli oggetti connessi, che in Italia ha superato i 52 milioni nel corso del 2016 (14,1 milioni quelli connessi tramite rete cellulare con una crescita del 37%), dato che sale vertiginosamente se guardiamo al mercato globale. Gartner stima che già entro quest’anno il numero delle cose connesse salirà a 8,4 miliardi ed arriveranno ad essere 20.4 miliardi entro il 2020.

E ovviamente anche il volume di dati – che proprio nell’IoT vede la principale spinta di accelerazione – continua a crescere: secondo gli analisti di Forbes il volume totale dei dati generati dall’IoT crescerà ogni anno al ritmo di 600 zettabyte nei prossimi tre anni:

275 volte più rapidamente del traffico medio annuo dei dati dei device mobili che arrivano ai data center aziendali (2,2 zettabyte la crescita media annua).

Oggetti sempre più intelligenti grazie alle tecnologie

I dispositivi IoT stanno diventando sempre più intelligenti e versatili grazie allo sviluppo che hanno avuto certe tecnologie negli ultimi anni:

  • I processori ed i sistemi embedded, stimolati principalmente dalla grande avanzata della mobility e dalla massiccia diffusione degli smartphone, hanno trovato nell’IoT un “secondo mercato” all’interno di sensori, device e smart objects;
  • L’incredibile disponibilità crescente della capacità computazionale e delle nanotecnologie ci permettono di avere in un unico chip un controller, la memoria, i sensori, il modulo di comunicazione fino ad avere all’interno di micro-dispositivi veri e propri sistemi operativi grazie ai quali controllare l’hardware e installare funzionalità applicative, aprendo nuovi interessanti scenari sul fronte dell’application development;
  • L’analisi dei dati non viene più demandata centralmente ma avviene “là dove il dato si genera”, abilitando alcuni processi decisionali automatizzati e spostando via cloud solo quei dati ed informazioni che devono alimentare altri sistemi di analisi.

Dati e IoT insieme aprono nuove grandi opportunità per le imprese

In Italia, perfettamente in linea con i trend evolutivi globali, sono numerosi gli ambiti in cui le aziende stanno già sperimentando le potenzialità dell’IoT e dell’analisi dei dati da esso generati.

Il segmento della Smart Home apre nuovi scenari di business dove ad essere protagonista non è più (o meglio, non è solo) il dispositivo intelligente, ma il servizio che questo può abilitare.

Pensiamo ad esempio al monitoraggio dei consumi energetici e a tutti i servizi che ne possono derivare per ridurre gli sprechi, magari anche attraverso meccanismi di gamification cittadina via mobile app che premiano i cittadini più virtuosi, invogliando e ispirando quelli meno attenti alle politiche ambientali. Oppure ai servizi di sicurezza che, proprio mediante la combinazione di IoT e analisi dei dati, consentono di identificare tempestivamente incidenti (allagamenti, incendi) o tentativi di infrazione.

Nel mondo dell’Industrial IoT sono già numerosi i progetti per il monitoraggio delle linee produttive in una logica di manutenzione preventiva dei macchinari: in questo caso lo spostamento del focus potrebbe addirittura scardinare i modelli di acquisto stessi delle attrezzature, per esempio pagandole a consumo, in base al loro reale utilizzo.

E non può mancare all’appello il mondo delle Smart Car che aprirà per tutte le grandi case automobilistiche l’opportunità di vendere non più solo un prodotto, ma una serie di servizi ad esso connessi come quelli per la manutenzione preventiva, la navigazione e la guida assistita, il risparmio energetico fino ai servizi di infotainment.

Manutenzione predittiva, produzione auto-ottimizzata, gestione automatizzata delle scorte e del magazzino sono secondo alcune recenti analisi di BCG i tre principali casi d’uso che traineranno la crescita del mercato IoT mondiale.

IoT Trends by BCG

Spostare il focus per cogliere nuove opportunità di business

Dalle analisi di BCG è interessante notare quali sono le principali aspettative delle aziende che credono nell’IoT e ci stanno investendo:

  • maggiore soddisfazione del cliente;
  • migliore qualità dei prodotti e dei servizi offerti;
  • innovazione nello sviluppo di nuovi prodotti/servizi;
  • nuovi business model da attivare.

Aspettative che in realtà rappresentano il traguardo finale di un percorso che le aziende dovrebbero iniziare ponendosi una domanda molto semplice: come posso sfruttare i dati dei dispositivi connessi?

Alcune delle modalità verso cui le aziende dovrebbero rivolgersi sono ad esempio:

  • Innovare e migliorare prodotti e servizi sulla base dei dati che rivelano il reale utilizzo da parte degli utenti;
  • Personalizzare prodotti e servizi in base alle reali esigenze dei clienti;
  • Ottimizzare i processi interni (per esempio rivedendo il planning in base al tempo reale di funzionamento di un impianto produttivo);
  • Monetizzare i dati raccolti (scelta che faranno presumibilmente le case automobilistiche vendendoli a soggetti terzi – per esempio i fornitori di servizi web o di sviluppo di app e sistemi embedded);
  • Alimentare un nuovo mercato dell’advertising (incentrato sulle logiche del marketing contestuale) e, più in generale, della vendita di servizi. Questo scenario trova nei wearable device un valido alleato per ottenere informazioni utili al business dai dati dei dispositivi indossabili.

IoT e Dati: da prodotto a servizio


IQUII

IQUII è una Digital Company, specializzata in Applicazioni mobile per iOS, Android e Windows Phone, Social Media e Digital PR, tecnologia Wearable, Data Visualization.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


Nel caso di commenti i dati verranno trattati come da informativa

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

Bot per il business: esempi, concetti e best practice dei chatbot delle aziende in vari mercati [WHITEPAPER]

Nel nostro whitepaper sui Bot troverai una panoramica su opportunità, concetti e esempi dell’uso dei chatbot nei vari mercati e su come le aziende possono sfruttare vantaggi e potenzialità di questo strumento conversazionale. Free download.

in: Thinking

di IQUII

Le tecnologie di prossimità e il futuro delle Smart Connected Home > #ForwardThinking

Il 2016 si sta affermando come l’anno delle Smart Home, ambienti domestici interconnessi in grado di dialogare attraverso la connessione a internet.

in: Newsletter , Thinking

CONTATTACI SUBITO

IQUII S.r.l.Part of Be Group


Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma
Sede Operativa: Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio