Realtà Aumentata: la crescita grazie a smartphone e app e il futuro per le aziende

Realtà Aumentata: la crescita grazie a smartphone e app e il futuro per le aziende

Pubblicato da IQUII il 22/06/2017 in Thinking

La battaglia sulle piattaforme mobili di AR – Augmented Reality è appena iniziata e Mark Zuckerberg all’ultimo F8 non ha lasciato spazi a fraintendimenti sulla strategia di Facebook: “stiamo facendo della camera la prima Augmented Reality platform”.

La frase non è da prendere alla leggera, i grandi competitor da Apple a Google fino a Tencent (il gruppo che fa capo a WeChat), Snap, Alibaba, Baidu, Samsung, Huawei, hanno ovviamente accelerato la corsa per assicurarsi un posto in un mercato così promettente, stimato 60 miliardi di dollari già entro il 2021 (report di Digi-Capital).

Mobile AR market by Digi-Capital

Facebook e Apple saranno però i due grandi colossi a contendersi il mercato. Apple infatti dopo la sfidante frase di Zuckerberg non ha perso tempo e un paio di settimane fa ha annunciato per voce di Tim Cook in persona la disponibilità dell’ARkit per iOS presentandolo come “la più grande piattaforma AR del mondo che porta l’Augmented Reality ad un livello superiore”.

Lo scontro finale si giocherà sul software (per mobile)

Se due big come Facebook ed Apple stanno investendo risorse economiche, competenze e tempo per proporre soluzioni e servizi capaci di catturare l’interesse delle persone, non possiamo ignorare che il fenomeno diventerà sempre più rilevante e la battaglia più aspra riguarderà il software.

Se sul fronte hardware Apple dovrà battagliare con Samsung e Huawei per un mercato che potrebbe assicurare 400 milioni di utenti nei prossimi 4-5 anni, sul piano del software invece il mercato del gaming sarà conteso da grandi player: Apple ha infatti come rivali Facebook, Tencent e Snap che potrebbero portare le mobile app di AR ad una base installata 4 volte più ampia di quella hardware con centinaia di milioni, se non miliardi, di users entro il 2021.

Mobile AR Installed Software Base by Digi-Capital

Basti pensare che l’AR di Facebook potrebbe essere messa a disposizione degli oltre 1,2 miliardi di utenti attivi ogni mese rispettivamente su Messenger e WhatsApp e i più di 700 milioni su Instagram. Anche ammesso che tutti questi utenti non utilizzino da subito le nuove funzionalità (la metà degli utenti di Instagram ha impiegato 4 anni prima di convincersi ad utilizzare Direct) è innegabile che le potenzialità di crescita della fan base sono altissime.

Non sottovalutiamo Apple però, capace di convertire quasi la totalità degli utenti iPhone verso i nuovi software in meno di un anno. Il rollout dell’ARkit potrebbe essere molto convincente ed essere anche l’elemento che spinge la vendita dei nuovi iPhone, offrendo ad Apple nuova linfa per segnare il passo anche sul fronte hardware.

Grandi sorprese per chi saprà fare business in modo nuovo

La Realtà Aumentata è arrivata al grande pubblico grazie all’ampia visibilità che ha ottenuto a livello planetario l’app del gioco Pokémon Go, suscitando tra i meno esperti anche molte critiche e polemiche. Tuttavia, le potenzialità dell’AR saranno sempre più espresse in ambiti di business molto lontani dal gaming.

L’80% del fatturato della Mobile AR arriverà da settori che non hanno nulla a che vedere con il gaming, ma che proprio grazie a Pokémon Go possono rivolgersi ora ad un pubblico già “preparato”.

I settori dove vedremo fiorire le soluzioni più promettenti saranno:

  • Mobile network data;
  • vendite eCommerce;
  • Advertising;
  • App consumer (non-game);
  • mobile app B2B (prevalentemente dedicate alle vendite).

Mobile AR Sectors by Digi-Capital

Mobile network data

I picchi nell’utilizzo delle rete dati saranno una delle conseguenze primarie della crescita delle mobile app di AR. Lo tsunami di dati che arriverà farà fiorire il mercato del cloud e della virtualizzazione (principalmente per network e storage) ma offrirà a Telco e Service Provider nuove opportunità di business, magari incentrate su servizi premium.

eCommerce

Tra le più promettenti c’è l’area dell’eCommerce che potrebbe trovare nell’AR nuovi servizi, non tanto per la vendita in-app ma per il miglioramento dell’esperienza di acquisto, che si traduce in una maggiore fidelizzazione. Ad esempio sarà possibile:

  • mostrare via mobile AR un capo d’abbigliamento, un laptop o addirittura un’automobile permettendo all’utente di vedere com’è fatto, come funziona, come si guida;
  • inserire l’oggetto che si intende acquistare in un contesto ambientale (per esempio scegliendo un capo di abbigliamento e sovrapponendolo alla figura di una persona direttamente allo specchio oppure verificando che i mobili che intendiamo acquistare siano della misura corretta per la nostra casa e via dicendo).

Pensando al commercio, la realtà aumentata mixata alla realtà virtuale e all’esperienza fisica in store apre nuovi scenari per il mercato Retail, oggi sicuramente uno dei più frizzanti e che proprio su queste tecnologie sta investendo maggiormente.

In molti showroom automobilistici è possibile già oggi provare la guida di una vettura con una esperienza di Mixed Reality immersiva e coinvolgente che in molti casi l’utente potrà ritrovare anche sulla vettura acquistata, sempre più connessa e aumentata.

Advertising

Se pensiamo a scenari come questo la fantasia sul fronte dell’Advertising può solo che galoppare veloce. Stanno già nascendo nuovi formati di native advertising che sfruttano sia il mezzo (la mobile app di AR) sia i dati generati dal suo utilizzo per campagne di comunicazione, promozione, ingaggio e relazione con gli utenti. In quest’area sarà probabilmente Google ad offrire opportunità maggiori alle aziende, grazie alla sua ampia base dati su mappe e geo-localizzazione.

La Mobile AR come dominio incontrastato di AR e VR

Quello che appare quasi certo, guardando alle previsioni di mercato e lasciando correre il genio della creatività sulle possibili applicazioni di business, è che la componente di Mobile AR, accelerata da kit per smartphone e mobile app, sarà quella predominante su tutto il mercato AR e VR in generale.

Restano da superare alcune barriere:

  • la disponibilità di device in grado di assicurare una vista di qualità superiore (ben oltre i Pokémon Go per intenderci), magari da agganciare in modo semplice ad uno smartphone;
  • la durata delle batterie degli smartphone;
  • la connettività via mobile (ed i relativi prezzi);
  • l’ecosistema di app.

Le proposte con cui Facebook ed Apple stanno forzando il mercato hanno segnato il punto di non ritorno che pone le aziende sicuramente di fronte a scelte difficili ma che, allo stesso tempo, allarga sempre di più le opportunità di innovazione attraverso le quali sviluppare servizi nuovi e conquistare una fetta di clienti e utenti sempre più ampia.

Noi stiamo già sperimentando ARKit rilasciato da Apple su alcuni progetti in ambito mobile che porteremo avanti nei prossimi mesi.

Se sei interessato ad una consulenza in ambito mobile AR, contattaci per valutare le potenzialità e le opportunità per il tuo business.


IQUII

IQUII è una Digital Consulting Company, specializzata in Applicazioni mobile per iOS e Android, Social Media e Digital PR, tecnologia Wearable, Data Visualization.


Non perderti i prossimi post! Ricevili via mail per leggerli quando vuoi.

Dai un'occhiata all'archivio


I dati saranno trattati per consentire l’inserimento e la pubblicazione dei commenti. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l’informativa privacy.

ARTICOLI CORRELATI

di IQUII

Fondazione Cortina 2021 e IQUII ancora insieme: una nuova app per le Finali di Coppa del Mondo Cortina 2020

La piattaforma mobile è l’asset strutturato per una fruizione completa delle Finali di Coppa del Mondo, evento organizzato da Fondazione Cortina 2021.

in: Comunicati Stampa , Thinking

di IQUII

Realtà aumentata e realtà virtuale: gli esempi per Retail, Sport, Education e Automotive

Ikea, Juventus, Volkswagen, Lenovo, Sony: alcuni dei principali brand che stanno investendo in realtà aumentata e virtuale.

in: Academy , Thinking

CONTATTACI SUBITO

I dati sono trattati solo per dare riscontro alla richiesta. Leggi l'informativa privacy prima di inviare la tua richiesta

IQUII S.r.l.Part of Be Group

Sede Legale: Viale dell'Esperanto 71 – 00144 Roma

P.iva 11289201003 - Cap.Soc. 10.000 €
Reg. Imprese di Roma REA n.1293642

Email. info@iquii.com
Tel. +39 06 72.15.125

Sede Operativa Roma
Via Vincenzo Lamaro 13/15 Ed.U, 00173

Sede Operativa Milano
Piazza Affari 3 (Primo Piano), 20123

Mobile Analytics

NEWSLETTER

Ricevi una volta al mese il nostro #ForwardThinking / Dai un'occhiata all'archivio